Elegia di Eugenio Montale


Kandisky, Insieme multicolore

Non muoverti.
Se ti muovi lo infrangi.
È come una gran bolla di cristallo
sottile
stasera il mondo:
è sempre più gonfia e si leva.
O chi credeva
di noi spiarne il ritmo e il respiro?
Meglio non muoversi.
È un azzurro subacqueo
che ci ravvolge
e in esso
pullulan forme immagini arabeschi.
Qui non c’è luna per noi:
più oltre deve sostare:
ne schiumano i confini del visibile.
Fiori d’ombra
non visti, immaginati,
frutteti imprigionati
fra due mura,
profumi tra le dita dei verzieri!
Oscura notte, crei fantasmi o adagi
tra le tue braccia un mondo?
Non muoverti.
Come un’immensa bolla
tutto si gonfia, si leva.
E tutta questa finta realtà
scoppierà
forse.
Noi forse resteremo.
Noi forse.
Non muoverti.
Se ti muovi lo infrangi.
Piangi?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Montale Eugenio, poesie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Elegia di Eugenio Montale

  1. laura ha detto:

    Sempre bellissime le tue scelte che denotano tanta sensibilità.
    Ciao antonella !

  2. gabriarte ha detto:

    il respiro rimane a mezz’aria quando si legge questa bellissima poesia hai paura che si rompa quel magico incantesimo ciao buon weekend

  3. ciclaminootto ha detto:

    Grazie Laura e Gabriella. Buon fine settimana e un abbraccio

  4. lucianaele ha detto:

    Buon pomeriggio e………buone vacanze!!!!!!
    Luciana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...